Capelli

La forfora, che cos’è e come combatterla

È un fenomeno che riguarda moltissime persone e contrariamente a quanto si è soliti pensare non è un problema esclusivamente maschile, ma riguarda anche una percentuale alta di donne. Stiamo parlando della forfora.

Il nostro cuoio capelluto subisce ogni giorno un processo di “desquamazione”, durante il quale perde le cellule morte rigenerandosi.
In caso di forfora, questa desquamazione assume dimensioni più elevate, rendendo ben visibili gli agglomerati di cellule morte che si staccano dal cuoio capelluto.

Erroneamente si è portati a pensare che forfora sia sinonimo di poca igiene del capello, ma in realtà quello a cui ci si trova di fronte con il manifestarsi della forfora è una vera e propria infiammazione del cuoio capelluto.

Se la forfora è secca, legata quindi ad una fastidiosa sensazione di prurito, i motivi possono essere legati ad un cambio climatico, ad una situazione di forte stress o all’utilizzo di prodotti che hanno generato irritazione sul cuoio capelluto.
In questo caso l’utilizzo di uno shampoo specifico può eliminare il problema, grazie all’azione antibatterica e sfiammante che assicura.

Se la forfora, invece, è grassa, il capello appare pesante e unto soprattutto in prossimità del cuoio capelluto, sul quale è possibile vedere tracce delle cellule morte.
In questo caso le cause sono più radicate, spesso legate ad una dermatite, che a seconda dell’alimentazione e dello stato dell’organismo si intensifica.
I prodotti da utilizzare per questo tipo di forfora sono ancor più mirati, con una concentrazione elevata di principi attivi e da utilizzare specialmente senza risciacquo.

Durante il manifestarsi di entrambe le forme di forfora è opportuno seguire un’alimentazione sana, bere molta acqua ed limitare il più possibile l’utilizzo di phon e piastre ad alta temperatura.