Casa

Amici a quattro zampe, come prepararli all’inverno

Il grande freddo si avvicina, anche per i nostri amici a quattro zampe.
Noi siamo pronti per affrontarlo, e loro? Che fare per prepararli al meglio ad affrontare questo periodo dell’anno?

Per cominciare, soprattutto se si tratta di un cucciolo o di un cane anziano, è bene fare un check up dal veterinario in modo da escludere eventuali pericoli in cui potremmo incappare con l’arrivo dell’inverno.
E quando la colonnina al mercurio inizierà ad abbassarsi seriamente, occhio alla loro temperatura: non diamo per scontato che il loro pelo riesca naturalmente a proteggerli. Mentre i cani grandi e pesanti, grazie alla loro massa corporea, riescono ad autodifendersi dal freddo, i cani di taglia più piccola, quelli più “snelli” come i levrieri , e quelli a pelo corto necessitano di qualche accorgimento in più, prima di tutto un bel capottino.
Accessorio indispensabile, invece, per quei cani domestici, abituati a vivere in ambienti chiusi e riscaldati artificialmente. 
Per tutti, indistintamente, vale la regola “non dormire all’aperto”.
Se non siete abituati a far dormire il vostro cane in casa, l’importante è la sua cuccia sia al coperto, rialzata da terra e non esposta alle intemperie. A questo proposito, dopo la passeggiata quotidiana, cercate di mantenere le sue zampe sempre asciutte. Un aiuto, per questo, è tosare il pelo tra i polpastrelli (per i cani a pelo lungo) dove tende ad accumularsi ghiaccio e neve. 
Residui che è sempre bene togliere subito per evitare che qualche leccata possa provocargli un’intossicazione: passeggiando all’aperto, in inverno, è facile raccattare con le zampe detersivi e sale stradale.
Per non parlare poi dell’antigelo, problema serio per i nostri fedeli amici, che attratti dal quel gusto dolce e goloso ma particolarmente tossico, possono riscontrare degli effetti molto rischiosi sulla salute. Cerchiamo quindi di far trovare sulla loro ciotola sempre acqua fresca in modo da non dover giustificare qualche bevuta extra fuori casa.