Casa

Asciugare il bucato. Energia elettrica o luce del sole?

Oggi parliamo di bucato e sulla tipologia di asciugatura: con asciugatura o al sole?
In Italia sembra stia aumentando la prima. Nel 2010 Altroconsumo ha stimato che l’utilizzo dell’asciugatrice è aumentato del 26 % rispetto all’anno precedente. Una bella inversione di rotta, anche nei paesi del sud in cui sole e clima mite non mancano.
A Palermo e Catania infatti è la cenere dell’Etna a rendere praticamente impossibile stendere i panni sole.
Nei paesi settentrionali invece, soprattutto nelle città, è l’inquinamento che si aggiunge alle condizioni atmosferiche a influenzare questo cambiamento nelle abitudini di economia domestica. 
Ma se da una parte l’asciugatrice preserva la salute della nostra biancheria e ci facilita la vita, l’altra faccia della medaglia riserva poche belle sorprese, in special modo per l’ambiente e il nostro portafogli!
Per quanto i nuovi elettrodomestici siano sempre più all’avanguardia e promettano un notevole risparmio in termini di tempo e denaro, c’è chi proprio chi non li digerisce. Come in Nord America, in cui esiste un divieto di stendere all’aperto costringendo tutti ad usare asciugatrici elettriche. In questi paesi è nato un movimento che rivendica il “diritto di asciugare” al sole  per inquinare meno e consumare meno energia elettrica. Richiesta lecita se si pensa che solo in Canada, le asciugatrici costano ad ogni cittadino 90 dollari e rappresentano il 6% della bolletta elettrica della casa.
Ma tornando in Italia e alla debacle tra elettricità e sole: stendere all’aperto significa rendere il bucato sporco e maleodorante, ma usare l’asciugatrice comporta spreco di energia e di soldi.
Un compromesso esiste: stendere in casa! Posizionando lo stendi panni in un luogo strategico, davanti ad una porta finestra illuminata dalla luce solare oppure in una stanza riscaldata artificialmente.
Basta prestare attenzione all’umidità, arieggiando periodicamente e utilizzando dei deumidificatori.
E il problema è (quasi) risolto!