Casa

Cucina Shabby Chic, l’arredamento retrò e originale

Oggi scopriremo come arredare la nostra cucina con lo stile tanto acclamato negli ultimi tempi: lo shabby chic.
Letteralmente si tratta di uno stile “trasandato chic”, ossia una scelta di arredamento apparentemente trasandata e creata senza un senso, ma che in realtà nasconde grande originalità e raffinatezza.

La cucina è forse il luogo che meglio si presta a questa tipologia di arredamento, per antonomasia molto intimo e accogliente.
Sia che stiate ripensando ad un totale rifacimento della vostra cucina, sia che vogliate solo darle nuova vita con l’ausilio di accessori, ecco su cosa dovete puntare.

Il colore
Innanzitutto lo stile shabby chic passa attraverso un’accurata scelta dei colori. Per quali optare? In assoluto per il bianco, in tutte le sue gradazioni. Abbinatelo a colori pastello come il grigio tortora, il beige, il verde salvia e un giallo molto tenue e delicato. In questo modo creerete già l’atmosfera giusta per il vostro stile shabby.

Il mobilio
Se state ri-progettando la vostra cucina, è il momento di optare per mobili dal sapore vintage e passato.
Cassettiere e credenze devono essere rigorosamente in legno, meglio se non rifinito alla perfezione, ma invecchiato e rovinato.
Per le superfici, come il piano cottura, potete giocarvi sempre il legno o scegliere materiali naturali come la pietra o il cotto.

Gli accessori
Sono un elemento fondamentale per completare il vostro stile shabby e dovete sceglierli con cura.
Dalle tende, possibilmente con inserti di pizzo e ricami, al vecchio pentolame in rame appeso alle pareti, ai piatti in porcellana dipinti e decorati in stile vintage.
Rovistate, quindi, nelle soffitte delle nonne e delle mamme e ridate vita al materiale accantonato, che regalerà originalità e romanticismo alla vostra cucina.