Casa

Eco-Ikea: soluzioni economiche e ecosostenibili per rinnovare casa

Alzi la mano chi non ha mai comprato, anche solo una candela profumata, all’Ikea! Il fascino svedese ha da qualche anno contagiato tutti, anche chi per soddisfare le proprie esigenze estetiche in fatto di arredo non si pone problemi di tasche. Belli, pratici e “sfiziosi”. Oggetti e mobili, che siano in catalogo o ben esposti negli enormi magazzini dal marchio giallo blu, sono sempre invitanti e alla fine qualche acquisto scappa sempre.

Ma c’è anche chi, una volta sfamata la voglia di design, non si accontenta e col passare del tempo ha bisogno di dare una rispolverata agli elementi d’arredo. La nuova moda è stata lanciata da una certa Jules – come la sedia d’ufficio a rotelle con lo schienale a oblò  – che stanca delle solite proposte, in un mondo dove la case sono ormai Ikeizzate, ha deciso di dare spazio nel web a chi, come lei, piace personalizzare i prodotti rendendoli unici. Il sito è aperto a tutti gli Ikea hackers che vogliono condividere le loro idee e le tecniche di bricolage.
E se rinnovare è tutto sommato facile (basta un po’ di manualità), recuperare è a portata di clik. Uno degli inconvenienti nel comprare dei mobili Ikea, è senza dubbio quello di trovarsi tra qualche anno con un’anta rotta e non poterla sostituire perché il pezzo è ormai fuori produzione. E’ qui che corre in soccorso Second Hand, il servizio dove i fedelissimi Ikea, si scambiano, vendono e acquistano on line prodotti di seconda mano, per l’appunto. L’iniziativa presentata nel sito dedicato – Hemma – è un’iniziativa davvero interessante che pone nel riutilizzo le basi per la difesa dell’ambiente e il risparmio economico.
Le due proposte hanno già riscosso notevole successo un tutta Europa, anche se in Italia non sono ancora così conosciute. Nel frattempo noi scommettiamo che dopo questo post la vostra Billy non sarà più la stessa!

http://www.ikeahackers.net/