Casa

Notti d’estate, come resistere al caldo

Le calde temperature estive sicuramente influenzano le nostre giornate e soprattutto le nostre nottate.
Se di giorno, infatti, riusciamo a trovare refrigerio con i condizionatori degli ambienti nei quali lavoriamo, di notte la cosa si fa più complessa specialmente se non abbiamo a disposizione un condizionatore.

Come ovviare a questo problema? A quali rimedi tradizionali affidare il nostro sonno?

La scelta delle lenzuola
Può sembrare un aspetto banale, ma la scelta delle lenzuola è davvero fondamentale.
Materiale come il cotone permette al nostro corpo di traspirare alla perfezione e di assorbire il sudore che inevitabilmente durante la notte liberiamo.

Inoltre, esistono in commercio materiali innovativi, che si ispirano all’abbigliamento degli astronauti, in grado di rilasciare una sensazione di freschezza sul nostro materasso. Provare per credere!

Se proprio le nostre lenzuola non ci permettono di respirare un cosiddetto rimedio della nonna potrebbe essere quello di lasciarle in frigorifero fino al momento nel quale ci corichiamo a letto, la sensazione di freschezza almeno iniziale non mancherà di certo.

Borsa dell’acqua… fredda!
D’inverno è la nostra più grande alleata per combattere l’impatto traumatico delle lenzuola gelide, perché non sfruttarla anche d’estate?
Riempitela di acqua e lasciatela nel congelatore per diverso tempo, in questo modo avrà il tempo di raffreddarsi e rappresenterà la vostra ancora di salvezza nei momenti più caldi della notte.

Spegnere qualsiasi fonte di calore
Difficilmente ci pensiamo, ma all’interno della nostra camera tante possono essere le fonti di calore: lampadine, televisione, computer, carica batterie, ecc.
Spegnete qualsiasi fonte di calore e la vostra stanza si manterrà più fresca.