Casa

Serve aiuto? Arriva la psico-aromaterapia


Ansia, stress, nervosismo, aggressività, tristezza, maliconia. Un ramo dell’aromaterapia mira dritto ai malesseri della psiche

Un buon profumo diffuso nell’aria non solo agisce sul nostro umore e sulla nostra psiche, ma scatena ricordi e associazioni. La psicoaromaterapia si basa proprio su questa qualità attribuita agli oli essenziali coniugando gli effetti calmanti o eccitanti degli stessi alla psico-analisi. Funziona così: il paziente sceglie il suo olio in base a quello di cui ha bisogno e una volta a casa, lo usa. Durante la terapia, l’esperienza sensoriale (quindi sogni, ricordi, pensieri, ecc.) viene trascritta per poi essere analizzata e sfruttata per trarre informazioni utili alla terapia del paziente. Il campo della psicoaromaterapia, sebbene si possano trovare parecchi corsi per praticarla, non è ancora così diffuso. Per questo non è facile attestare le qualità terapeutiche specifiche di ogni singola essenza, anche se, in generale, agli oli vengono attribuiti degli effetti definiti. Non resta che scegliere:

Rilassanti: cedro, camomilla, salvia scalrea, cipresso, galbano, ginepro, mandarino, maggiorana, melissa, mirra, petitgrain, sandalo, valeriana, vaniglia, vetiver, achillea, ylang ylang.

Antidepressivi: basilico, bergamotto, camomilla, salvia sclarea, incenso, geranio, pompelmo, gelsomino, lavanda, limone, mandarino, neroli, arancia, palmarosa, rosa, sandalo, ylang ylang.

Afrodisiaci: angelica, cardamomo, cedro, cannella, salvia sclarea, garofano, zenzero, gelsomino, neroli, noce moscata, patchouli, rosa, rosmarino, sandalo, vetiver, ylang ylang.

Stimolanti: angelica, pepe nero, cardamomo, cannella, garofano, finocchio, pompelmo, zenzero, gelsomino, palmarosa, arancio, patchouli, menta, pino, rosmarino.