Food Trends

Ecco come creare una cantina in casa vostra

Volete conservare qualche bottiglia di vino in più a quelle che vi servono per la vostra cena speciale? Siete appassionati del nettare d’uva e volete collezionare le bottiglie più care?
A voi gli accorgimenti necessari per creare una cantina in casa vostra.

Locazione. Per definizione la cantina è un locale seminterrato. Un sottoscala o un piccolo ripostiglio possono bastare, se ne avete più di uno scegliete quello orientato verso nord. Controllate bene che pareti e pavimento siano asciutti. L’umidità va contenuta con del materiale isolante sulle pareti.

Temperatura. Perché il vino sia ospitato nelle migliori condizioni possibili, la temperatura deve oscillare tra i 12 e 15 gradi. Sopra i 22 gradi c’è il rischio di danneggiare il contenuto delle bottiglie, che invece gela sotto i 5 gradi.

Ambiente. Luci pallide, basse e poco potenti, mai dirette verso le bottiglie. In presenza di finestre o finestrelle, copritele o tenetele sempre chiuse in maniera che la luce solare non filtri mai.

Posizione. La regola maestra vuole che le bottiglie con tappo di sughero vadano riposte in orizzontale: così facendo il vino tocca il tappo per una positiva areazione. Le bottiglie con tappo in plastica vanno invece riposte in verticale. Gli scaffali da bottiglia sono molto utili, evitate quelli in metallo e preferite quelli in legno, conducono meno la temperatura.

Ordine. Non conservate formaggi e salumi al vino, si possono intrecciare le rispettive fragranze. Non utilizzate la cantina come ripostiglio misto, con le cose più disparate, e cosa più importante, munitevi sempre di etichette, vi aiuteranno a fare chiarezza al momento dell’apertura della bottiglia.