Lifestyle

Alla scoperta dei padiglioni dell’Expo 2015 – IV

Con l’inizio di agosto si entrerà nel terzultimo mese utile per visitare i padiglioni dell’Expo 2015. Organizzate, dunque, il vostro viaggio a Milano e intanto noi proseguiamo il tour dei padiglioni, per permettervi di pianificare al meglio la vostra visita.

Padiglione Marocco
Esternamente può risultare deludente ed essere giustamente annoverato tra i padiglioni più brutti dell’esposizione, ma all’interno il vostro giudizio cambierà completamente.
Il padiglione del Marocco, infatti, riproduce alla perfezione il suo paese di riferimento, essendo diviso al suo interno in 3 sale che corrispondono alle 3 aree del paese.
All’interno di ciascuna sala viene ricreato il clima tipico della zona di riferimento, vengono mostrate immagini e proposti i sapori e i profumi della zona stessa. Una vera immersione nel territorio marocchino che merita di essere fatta.

Padiglione Olanda
In controtendenza rispetto agli altri padiglioni, il padiglione dei Paesi Bassi è in gran parte open air, ispirato ai tradizionali festival musicali di strada.
Anche il cibo proposto richiama gli snack e lo street food: mini pancakes, frittelle, panini, patatine biologiche e salutari centrifughe a base di frutta fresca.
Davvero caratteristica la ruota panoramica convertita a ristorante, da vedere.

Padiglione Germania
Il padiglione tedesco è forse uno di quelli che più mira a trattare il tema dell’esposizione.
La struttura è un insieme di tecnologie avanzate, materiali ecosostenibili e sapiente utilizzo delle risorse e dello spazio. All’interno vengono presentate varie ricerche e soluzioni di recupero, riutilizzo e sostenibilità, che i visitatori possono seguire grazie anche a seedboard distribuiti all’ingresso.