Lifestyle

L’uomo a cui dire sempre di no

C’è poco da fare, quando si tratta di immaginarlo sappiamo perfettamente come dev’essere (bello, intelligente, colto, simpatico, possibilmente benestante), ma quando poi prendiamo una cotta diventiamo sorde e ceche davanti a dei difetti che prima non avremmo mai accettato! L’infatuazione sa essere letale per il nostro carattere permettendo libero sfogo alle manie/passioni del compagno ma allo stesso tempo stabilendo dei limiti ai nostri hobby e divertimenti. Un esempio banale, il calcio: sabato sera, fuori diluvia, partita Juve-Inter, tu sul divano di casa ad immaginarti una serata romantica con il tuo lui che invece è al bar, con gli amici radunati all’ultimo minuto.

Una soluzione? Se siete innamorate non c’è!
Se però siete ancora single, segnatevi gli esemplari maschi da evitare:

  • l’over 35 in carriera che vive con la mamma, brava cuoca e perfetta stiratrice;
  • l’uomo perfettamente depilato che arriva in ritardo a cena da te dopo una seduta dall’estetista;
  • il maniaco dell’igiene che ti riprende se prima di mangiare ti sei dimenticata di lavarti per bene le mani;
  • il maniaco del pallone, sintonizzato 24 su 24, con qualsiasi dispositivo, su canali e siti di calcio;
  • il belloccio che si vanta di avere delle ex da sogno, alte 1.80 e con una quarta di seno naturale;
  • l’uomo dalla “testa pezzata”, che non rinuncia ai pochi capelli che gli restano lasciandoli crescere;
  • il geek incallito che ama più il suo ultimo iPhone di te
  • il perennemente malato, sempre stanco dal lavoro, che ha sempre bisogno di una crocerossina tuttofare;
  • il sapientino che sa tutto lui e la donna ascolta.