Lifestyle

Stringere la cinghia? Non serve con il risparmio “smart”

Dagli alimentari alle spese mediche, dallo shopping alle bollette della casa, risparmiare è possibile limitando gli sprechi e ottimizzando le spese. Rispetto a qualche tempo fa, oggi stilare la propria spending review domestica è molto più semplice. Grazie ad internet, infatti, sono sorte numerose community e gruppi d’acquisto per la spesa intelligente, si può accedere a siti in cui non lasciarsi sfuggire le offerte e sono nate App a tema.

A tavola
Ma andiamo con ordine… a tavola il risparmio è spesso associato ad un calo drastico della qualità. In realtà, fare economia sui generi alimentari non comporta per forza una rinuncia in termini qualitativi, anzi. In tempi di crisi si sta riscoprendo il km Zero, ovvero l’acquisto direttamente dal produttore,da soli o tramite GAS (gruppi d’acquisto solidali). Nel primo caso, ad accorrere in nostro aiuto per orientarsi tra i vari farmer è QuiCibo (http://www.quicibo.it/) un’utilissima piattaforma web pensata per chi cerca un’alimentazione a km zero. Rimanendo nella grande distribuzione, vale sempre la regola miglior rapporto qualità/prezzo. E per essere sempre aggiornati sulle migliori offerte basta iscriversi alla newsletter di Doveconviene (http://www.doveconviene.it/).

In farmacia e dal dottore
Farmaci e prestazioni sanitarie low cost sono aumentate nell’ultimo anno di un +70% (secondo Assolowcost). Merito soprattutto di associazioni mediche e poliambulatori che si stanno attrezzando per fornire servizi a prezzi accessibili e competitivi, come ad esempio il progetto Medici per tutti di Milano che assicura un listino di prestazioni che varia dai 35 ai 50 euro. Al banco invece basta privilegiare i farmaci generici o no logo che costano meno degli originali pur avendo lo stesso principio attivo. Per orientarsi nell’offerta di questo tipo di farmaci un sito utilissimo è equivalente.it.
Infine, occhio alle campagne di screening nazionale che, a seconda delle patologie, permettono di effettuare visite specialistiche a costo zero.

Nell’armadio
Se l’abbigliamento non è da considerare tra i beni di prima necessità, con outlet fisici e on-line non è più neanche da ritenere un lusso. Oltre ai luoghi in cui fare shopping non necessariamente nei periodi di saldi come gli outlet e gli spacci aziendali, in internet, grandi operatori come Zalando, Yoox e eBay permettono di comprare tutto online e di restituire in caso la merce non andasse bene. Certo, non c’è il gusto dello shopping fisico e l’ebbrezza del camerino, ma per lo meno si evitano shopping compulsivo e spese inutili!

Sul contatore di energia
Sappiamo tutti che chiudere l’acqua mentre ci laviamo i denti e spegnere le luci di troppo sono piccoli gesti che alleggeriscono la bolletta (e inquinano meno), ma se non c’è un dato tangibile di riferimento che indichi l’effettivo risparmio di energia spesso ce ne dimentichiamo. Per questo sono nati i dispositivi digitali di controllo del consumo energetico (come ad esempio Contacorrente di Energrid), che, collegati al contatore della luce, sono in grado di visualizzare direttamente il costo in euro mensile e giornaliero. E per cogliere la miglior offerta di energia elettrica e gas, basta collegarsi al portale Supermoney.eu, accreditato dal Garante delle Comunicazioni che fornisce in tempo reale preventivi gratuiti confrontando le proposte di decine di gestori.