« Vedi tutti gli articoli

Come conciliare famiglia e lavoro senza rischiare l’esaurimento

Hanno tra i 30 e i 40 anni e sono schiacciati tra doveri di famiglia e successi nel lavoro: sono i genitori in carriera del nuovo fenomeno sociale chiamato dall’Economist, Generation Xhausted (Generazione Esausti).

Hanno tra i 30 e i 40 anni e sono schiacciati tra doveri di famiglia e successi nel lavoro: sono i genitori in carriera del nuovo fenomeno sociale chiamato dall’Economist, Generation Xhausted (Generazione Esausti). Essi rappresentano quel tipo di professionista che ha rimandato l’impegno della paternità/maternità per riuscire a fare strada in ambito lavorativo. Una volta raggiunto il successo professionale programmano l’arrivo del primo figlio, ma alla nascita scoprono quanto la nuova situazione fosse più complicata da gestire di quanto pensassero, piena di impegni e responsabilità. E tra un biberon e una riunione di lavoro è per loro praticamente impossibile ritagliarsi un po’ di tempo libero. L’analisi finale di questi “casi” è ovviamente molto negativa: le persone che hanno raggiunto l’apice della loro carriera molto presto e che invece hanno fatto famiglia solo più tardi, sono molto stressati, senza energia e infelici.

Il fatto più sconcertante è che questi casi sono ormai la norma, perché per diverse cause socio-economiche si diventa genitori sempre più tardi, quando già ci sono troppe cose a cui badare. E per mantenere rapporti e nervi saldi è fondamentale stabilire un equilibrio tra lavoro e famiglia.
Una delle prime regole è imparare a delegare: troppe volte ci si sforza di dover pensare a tutto da soli senza ricorrere all’aiuto di altri. Certe volte, per certi compiti, bisogna imparare a mettere da parte l’orgoglio e incaricare qualcun altro.

Altro suggerimento molto importante è saper dire di no, soprattutto nel lavoro, ambiente in cui per alcuni immolarsi per compiti extra è all’ordine del giorno. Quello che dobbiamo imparare è essere sicuri delle nostre capacità e fare il nostro dovere nel limite del possibile: stop quindi a ore di lavoro straordinario o lavoro a casa. Quando siamo fuori dall’ufficio, stacchiamo la spina e dedichiamoci alla famiglia.

A questo proposito, di vitale importanza, per assicurarsi una vita serena e appagante è riuscire a fare una netta distinzione tra famiglia e lavoro. A casa, compagni e figli non aspettando altro che ricevere le dovute attenzione. Quando siamo con loro cerchiamo di farlo in modo sincero e spensierato. La vostra vita affettiva ne beneficerà e al lavoro sarete più produttivi. Provare per credere.

Tags: carriera, esausto, Generation Xhausted, mamme, papà

« Vedi tutti gli articoli

Potrebbero interessarti:

Anche il nostro papà può essere trendy, con il regalo giusto


Continua a leggere

Potrebbero interessarti:

Anche il nostro papà può essere trendy, con il regalo giusto

Oggi è la festa del papà e se anche quest’anno non sapete cosa regalare al vostro caro “vecchietto”, non disperate, siete ancora in tempo per provvedere con un pensiero semplice ma che lo farà sentire giovane e sexy, come qualche anno fa. 


Continua a leggere

Negozi

Volantino

Card

Newsletter

Concorsi