Salute e Benessere

Un rimedio, oltre l’attesa, ai bollori sportivi

Si respira aria di sfida in Florida, dove a contendersi l’anello NBA si scontreranno come per déjà vu – nel 2006 – Miami e Dallas. Guidati da LeBron James, gli Heat di Miami si batteranno con i Maverick di Dallas capitanati dal tedesco Dirk Nowitzki in sette partite che si preannunciano bollenti. 
Ma mentre caldo, tensione e competizione rendono l’atmosfera irrespirabile, cerchiamo di focalizzarci sui nostri di bollori.
Lo sapevate che a temperatura normale, senza cioè esercizio fisico, perdiamo ogni giorno da 800 a 1.200 millilitri d’acqua? Ecco allora che sotto sforzo si possono eliminare anche litri di sudore.
Il fenomeno è naturale, ma è durante l’attività sportiva che crea i maggiori problemi, e non solo sociologici. Oltre ad odori poco piacevoli ed a antiestetici aloni, la sudorazione bagnando gli indumenti, favorisce irritazioni e lo sviluppo di infezioni micotiche nelle parti più sensibili, sulle ascelle e sulle zone intime.
Un accorgimento da tenere sempre in considerazione è quello di usare biancheria intima di cotone scartando le fibre sintetiche come la lycra, che anche se più comode, sono veramente poco traspiranti e perciò incoraggiano la proliferazione di batteri. Riguardo invece le ascelle, per chi non accetta la depilazione (sempre consigliata per ovviare al problema) esistono vari tipi di prodotti deodoranti in commercio specifici e su misura:

Gel o creme ad azione antienzimatica batterica: sono a base di trietil citrato e bloccano l’attività degli enzimi batterici usati per “mangiare” il sudore corporeo;

Battericidi: impediscono o limitano la proliferazione dei batteri e contengono triclosan, octoxyglycerin e  farnesol;

Antitraspiranti: sono a base di idrossicloruri di alluminio e zirconio e sono specifici per chi soffre si sudorazioni abbondante in quanto blocca i pori e di conseguenza l’emissione del sudore.

Da scartare sono le sostanze odoranti che risolvono il problema del sudore solo dal punto di vista olfattivo e i prodotti a base di alccol etilico che può irritare gravemente la cute. Ovviamente questo tipo di indicazione va cercata nella retro etichetta, ma vale la pena di leggere con attenzione per capire finalmente quale prodotto fa al caso nostro.